.
Annunci online

 
pdmarconi 
il segretario del Circolo
IL BLOG SI E' TRASFERITO SU WORDPRESS
PDMARCONI.WORDPRESS.COM


[pdmarconi@gmail.com ... 065578275]
...
X
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Marconi merita di più
segnalazioni su Marconi
PD Nazionale
PD Lazio
PD Roma
PD Portuense Villini
Riva Portuense
Ponte di Ferro
Portuense News
BlogMog di Federica Mogherini
il blog di Serena Colonna
Qualcosa di riformista (di P. Regoli)
Paolo Masini (consiglio comunale)
Mimma Miani
  cerca

in evidenza
Il nostro circolo
Scrivi anche sul forum
su Facebook
Il sito


 

diario | Appuntamenti | Chi siamo | Piddinsieme | Quartiere | Congresso |
 
Diario
1visite.

inserito il giorno 17 dicembre 2010

Marconi: i furgoncini, i giardini, la memoria

Aiutiamo il consigliere Palma a ritrovare la memoria.

E’ l’appello che ci sentiamo di lanciare per agevolare il consigliere Palma, PDL del municipio XV, nel ritrovare la memoria.

E’ infatti la terza volta che il consigliere accusa il colpo.


La prima volta, quando stupendosi del degrado del giardino di via Blaserna e del sottostante parcheggio, ebbe una temporanea, speravamo, amnesia che lo portava ad esternare alla stampa invece che a rivolgersi alla stessa amministrazione comunale, sempre PDL, inadempiente per le opere di presa in carico del giardino e perché l’ATAC disattendeva gli impegni di prendere in concessione il parcheggio sotterraneo (questo è il motivo per cui il parcheggio NON è ancora utilizzabile).


Nella seconda volta il consigliere Palma non ricorda che i suoi strali, e la sua contrarietà al PUP Fermi, devono essere indirizzati verso il Comune,  magari  verso lo stesso Aurigemma delegato ai parcheggi del Comune di Roma. E dimentica cosi di operare per  un corretto servizio per la comunità di Marconi e di via Fermi (preoccupazioni si, ma il degrado che oggi c’è su via Fermi merita risposte concrete).


La terza  volta, il consigliere Palma, “riconosce” la fallimentare esperienza del centro destra  a proposito di raccolta differenziata (il suo centro destra) ed evidenzia come a Marconi a degrado si aggiunge degrado (sigh) quando i furgoncini abbandonati vengono usati come discarica.


Questa una parte della sua dichiarazione:

MARCONI & NUOVI CASSONETTI. PALMA (PDL) "Un veicolo abbandonato diventa un nuovo cassonetto: a degrado si aggiunge degrado".

Ha ragione. Effettivamente ha ragione.


Infatti il  furgoncino da lui fotografato – come prova del degrado – è lo stesso furgoncino usato (da lui? dai suoi sostenitori?) come luogo di affissione abusiva durante la campagna elettorale del marzo 2010 in cui invitava a votare per la Polverini. E lo trovate nella foto allegata.



Avrebbe fatto meglio a segnalarci, sin d'allora, il degrado che lo stesso Palma e la Polverini "stavano procurando".

Ah, post scriptum, la polizia municipale da anni non dipende più dal municipio.

inserito il giorno 25 settembre 2010

La palma della vergogna (il giardino di via Blaserna - Marconi)

Leggiamo con stupore le dichiarazioni del consigliere del municipio XV, Marco Palma (PDL), che denuncia le vergognose condizioni del giardino di Via Blaserna.

Rileviamo che ad essere vergognoso è l'atteggiamento del Comune di Roma e del suo Assessorato all'ambiente (forse il consigliere Palma lo dimentica, ma il Comune è governato dalla sua stessa forza politica) che interpellati, da associazioni e da questo circolo, a giugno e luglio scorso non hanno ritenuto doveroso, allora, accellerare i tempi delle necessarie procedure, nè tanto meno fornire ai cittadini spiegazioni sul degrado.

I giardini si trovano in questo estremo stato di abbandono in quanto non è stato completato l'allaccio ACEA; l'Assessorato all'ambiente non ritiene quindi di poter procedere alla presa in carico. Risultato: a pagare sono i cittadini di Marconi.

Insomma una vera e propria situazione di confusione che denuncia e smaschera il mito del fare di questa destra che dovrebbe rifugiarsi sotto la palma della vergogna (ma nel giardino non c'è nemmeno un filo d'erba) per quanta demagogia e disinformazione produce.

Carla Boto

sfoglia
novembre        gennaio